Misilmeri News

Notizie del comprensorio misilmerese.

Non è questione di dettagli.

Posted by gpcorso su 25 dicembre 2007

Questa storia inizia in prossimità della solennità del “Corpus Domini” in una delle parrocchie della nostra cattolicissima Italia:-                                                         

                                                           Il parroco preparava con cura meticolosa 
                                                       le manifestazioni esterne della sua parrocchia.
                                                       Soprattutto la processione del Corpus Domini.
                                           Voleva che la festa fosse un vero avvenimento per il paese.
                                            Tre mesi prima della data, radunava un apposito comitato 
                                                                 e organizzava i gruppi di lavoro.
                                                  Il giorno della festa tutto il paese era mobilitato.
                                         Alle dieci e trenta in punto la processione cominciò a snodarsi.
                                           I chierichetti con i candelabri, i paggetti nei costumi colorati, 
                                          le bambine con il vestito bianco che spargevano petali di rosa, 
                                               i giovanotti della società sportiva con le tute gialle e blu,
                                       gli uomini e le donne delle confraternite con gli stendardi colorati ,
                               poi L’Azione Cattolica, i ragazzi dell’Oratorio, la gente, la banda musicale.
                                                                    Una processione magnifica!
                                                                            Una grande festa!
                                                      Quando la banda intonò il pezzo più solenne,
                                       dal portale della chiesa usci lentamente il baldacchino dorato, 
                                                                sorretto da quattro baldi giovani.
                                                        Sotto il baldacchino, procedeva il parroco, 
                                                                rivestito del piviale più prezioso,
                                 che reggeva il pesante ostensorio d’oro tempestato di pietre preziose.
                                                                Improvvisamente il viceparroco, 
                                                                che accompagnava i chierichetti,
                                                    si avvicinò allarmato al parroco e gli sussurrò:
                                                    “Monsignore , nell’ostensorio non c’è l’ostia!”.
                                                                      Il parroco ribatté seccato:
                                                         “Non vedi a quante cose devo pensare?
                                                         Non posso occuparmi anche dei dettagli!”.
                                                                               Oggi è Natale.
                                                                        Sarà una grande festa!
                                                                          Ma chi festeggiamo?
                                                   Nella nostra tavola imbandita (e nel nostro cuore), 
                                                               ci sarà un posto per il festeggiato?
                                                  Gesù per tanti, troppi, è diventato solo un dettaglio.
                                       Per questo motivo, probabilmente, al di là delle luci, delle risate,
                                              degli auguri di circostanza, dei pacchi dono e dei cenoni,
                                                                  per molti, sarà un Natale triste.

E’ ora che noi cristiani ci spogliamo dei vecchi abiti e ci vestiamo delle vesti di”figli di Dio”secondo la volontà del “PADRE CELESTE”,solo allora potremmo dire:-Gesù è nato nella mia Comunità,nella mia Casa,dentro me.                                                                              

Grazie Signore-Gesù 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: